Social network, si ma con la testa

Il Garante della Privacy ha lanciato una campagna per sensibilizzare i giovani a connettersi con la testa ai social network.

Si tratta di una iniziativa lodevole, nel senso che la consapevolezza dello strumento che stai utilizzando per comunicare è estremamente importante.

Parlando di nativi digitali e immigranti digitali, si può facilmente intuire come la capacità dei giovani nell’utilizzo delle nuove tecnologie deve esse accompagnato da una maggiore attenzione alla consapevolezza, quando si pubblicano foto, commenti, quando si allacciano relazioni.

D’altra parte bisogna essere consapevoli anche del fatto che è necessario apprendere a navigare anche da soli, così nella vita di tutti i giorni come sul web.

La differenza è che spesso i genitori e i docenti sono in grado di consigliarti ed essere presenti fuori dal web, ma dentro il web ci sono troppi ignoranti digitali.

Diversamente non saremmo ai primi posti nella classifica del digital divide.

Sul sito del garante della privacy trovate anche un questionario per verificare quanto sei smart sul web e un vademecum sugli effetti collaterali dei social network, anche per mamma e papà.

Advertisements